Parrocchia di San Quirino, VIa Gemona 60, UDINE

     
Prossimi Appuntamenti
Dicembre 2018

Giovedì 6ore 17.00 Ora di adorazione eucaristica mensile.

Sabato 8IMMACOLATA CONCEZIONE DI MARIA.

ore 11.00 s. Messa con il coro di Jutizzo.

Lunedì 10ore 9.00 S. Messa e preghiera per la pace e per l’unità  dei cristiani ( a cura del C.R.A.E.).

Giovedì 13 - Festa di Santa Lucia (al Redentore messe ore 11.00 / 18.30 con benedizione degli occhi).

Martedì 18ore 18.30 CELEBRAZIONE COMUNITARIA DELLA PENITENZA.

Domenica 23 – Quarta d’Avvento : orario festivo.

Lunedì 24 - Ore 22.00 Messa nella notte della Nativita’.

Martedì 25NATALE DEL SIGNORE

Ore  9.00 – Messa dell’aurora.

Ore 11.00 – Messa del giorno

Mercoledì 26 – Santo Stefano: ss. Messe ore 9.00 e ore 11.00.

Domenica 30 – FESTA DELLA S. FAMIGLIA  (orario festivo).

Lunedì 31 - San Silvestro - ore 18.30:  S.Messa e TE DEUM di ringraziamento (chiesa del Redentore).

Avvenimenti, incontri

DICEMBRE 2018

Venerdì 7ore 19.00 (via Gemona):Accensione del presepeal laghetto.

- ore 19.30 (chiesa del Redentore):presentazione del restauro della cupola del transetto.

- ore 20.30 (chiesa di San Pio X): «SogniAMO – Con Giuseppe, accogliamo il mistero».Veglia giovanile.

Sabato 8ore 20.45 (chiesa di san Pietro Martire): concerto del coro “Vos de mont” a cura dell’Ass. Amici di don De Roja.

Lunedì 10 – GIORNATA DEI DIRITTI UMANI.

Mercoledì 12ore 20.30 (Parrocchia di S. Paolino, viale Trieste 110) per i Mercoledì dell’Angelo (per giovani): Perché credere in Dio oggi? con i proff.ri F.Longo e B.De Lotto.

14 -15 dicembreore 18.00 (Centro Culturale Paolino d’Aquileia) per la Scuola di Politica ed Etica: Disuguaglianze, povertà, paure:come invertire la rotta? (R.Rossini).

Domenica 16ore 17.00 (chiesa del SS. Redentore) Concerto per Santa Lucia con il coro polifonico A. Foraboschi di Palazzolo dello Stella.

 

Percorsi di preparazione al matrimonio cristiano: info presso l’Ufficio Pastorale della Famiglia, via Treppo 3 –  tel.0432 - 414514 oppure: [email protected]

In parrocchia
Gli umili servitori del mistero

La parola mistero porta con se' l'idea di qualcosa di sconosciuto, arcano, forse pauroso. L'apostolo Paolo (Ef.3) ne spiega il significato come di un disegno eterno, di un progetto segreto di Dio che riguarda tutta l'umanita'. E' un progetto di liberazione, salvezza, di amore che si e' rivelato, espresso in Gesu' Cristo. Mentre ne ricordiamo in questi giorni la nascita umana in mezzo a noi, e' interessante, scoprire quanti, inconsapevolmente, vi hanno partecipato. Maria di Nazaret innanzitutto, silenziosa e indispensabile collaboratrice di questo eterno disegno da' amore che ha dato carne al Figlio di Dio. Non deve essere stato facile per lei decifrare, collegare, capire, accettare avvenimenti, parole, persone e, soprattutto, quel Figlio speciale donatole da Dio. E Giuseppe, ancor piu' avvolto nel silenzio, che da' casa, famiglia e lavoro e ancor prima difesa e custodia premurosa al Salvatore del mondo. Una obbedienza non facile, ma coraggiosa e fedele la sua al grande, misterioso piano divino. Una luce improvvisa illumina poi i pastori a guardia notturna del gregge. Viene loro data una bella notizia, una grandissima gioia per tutto il popolo. Essi sanno riconoscere in un povero neonato steso nella paglia il Promesso, il Messia, il Salvatore. Quello che accomuna queste persone, (Maria, Giuseppe, i pastori) e' l'insignificanza sociale, la poverta' umile e dignitosa. Ma, soprattutto, una fede che sa attendere, sperare, guardare le cose con occhi capaci di scoprire lentamente le misteriose vie di Dio che ci viene incontro. Anche oggi, malgrado la cronaca, esistono, vivono ed operano delle persone cosi', capaci di fare propria la "buona volonta' di Dio" su questo mondo e non solo sognare, ma fare il bene.

don Claudio

 
Entriamo nella Bibbia: può essere un'avventura

PARROCCHIE

 

B.V. DELLE GRAZIE, S. MARIA ANNUNZIATA, S. QUIRINO, SS. REDENTORE

 

in preparazione alla

 

DOMENICA DELLA PAROLA

24 settembre 2017

 

 

propongono

 

ENTRIAMO NELLA BIBBIA: PUO’ ESSERE UN’AVVENTURA

 

incontri introduttivi per una lettura corretta delle Sacre Scritture

con il prof. SANTI GRASSO

 

v giovedì 21 settembre, ore 21.00, san Quirino

v martedì 10 ottobre, ore 21.00, Redentore

v martedì 14 novembre, ore 21.00, B.V. delle Grazie

 
Celebrazione per S. Chiara l'11 agosto

11 agosto 2017

SANTA CHIARA

Santa Chiara

La sua vita

Chiara nasce ad Assisi nel 1193 (o 1194).

Di nobile famiglia, è educata dalla madre nella fede cristiana, ma è ascoltando e vedendo il concittadino Francesco nella nuova vita evangelica intrapresa che comprende di voler attuare la stessa forma di sequela di Gesù.

Con la sorella, che la seguirà dopo quindici giorni dalla sua fuga dal palazzo, nel piccolo monastero di San Damiano fuori dalle mura di Assisi, vive “secondo la forma del santo vangelo”, ottenendo dai papi il singolare ‘privilegio della povertà’.

Numerose le compagne che la imitano. Insieme costituiscono la prima comunità di ‘Sorelle povere’, per le quali Chiara stessa nei suoi ultimi anni – prima donna nella storia della Chiesa – scriverà la Regola, che Innocenzo IV° approverà nel 1253 (pochi giorni prima della morte di Chiara).

Della canonizzazione, avvenuta nel 1255, si conserva il Processo, documento di eccezionale valore per conoscere l’esperienza della ‘pianticella di Francesco’.

Al tempo di Chiara, alle donne che volessero dedicarsi con impegno alla vita religiosa si apriva solo il chiostro.

La santa invece rifiutò la separazione con il mondo esterno e, del resto, proprio nella regola da lei scritta, nel testamento e nella benedizione che sulla soglia della fine lasciò alle compagne, definì il suo ordine come quello di Sororum pauperum, “ordine delle Sorelle povere”, senza mai nominare la clausura: un cambiamento assoluto e dirompente rispetto alle direttive ecclesiastiche secondo le quali le donne dovevano vivere chiuse per sempre nel loro monastero, come i monaci.

Leggi tutto...
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 36